Strumenti personali

Orari*

Da giovedì a domenica ore 16-19

* Attenzione: nel caso non sia incorso alcuna mostra la Galleria è chiusa

Calendario chiusure e aperture in giornate festive

La galleria è chiusa: 1° gennaio Capodanno - Pasqua - 25 aprile Festa della Liberazione - 1° maggio Festa dei lavoratori - 2 giugno Festa della Repubblica - 8 settembre Festa patronale - 1° novembre Ognissanti - 25 dicembre Natale.
La galleria è aperta nelle altre giornate festive: lunedì di Pasqua, 15 agosto, 8 dicembre - 26 dicembre.


Logo Parco
Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea
Armando Pizzinato
Viale Dante, 33 Pordenone
tel. 0434-392941

Icona Google Maps   Logo YouTube

 

Dove finiscono i Balcani

— archiviato sotto:

Incontro con Alice Parmeggiani e Božidar Stanišić. Presenta Gian Mario Villalta


Aftermath Aftermath

Data: Il 11/01/2013 alle 18:00

Luogo: Ridotto del Teatro Comunale Giuseppe Verdi - Via Roma – Pordenone

Descrizione dell'evento:

La geologia segna la fine della laguna sabbiosa e paludosa alla foce del Timavo, appena fuori Monfalcone. Da lì inizia lo zoccolo di roccia che arriva fino alla Macedonia. Quale lunga continuità, quali violente differenze in questo grande territorio?

Alla mancanza di conoscenza della realtà di quest’area geo-politicamente decisiva per l’Europa e del mosaico culturale e interetnico che la forma, si contrappone il rapido evolversi di una realtà attuale convulsa, dopo una guerra che forse poteva essere evitata, dove la riconciliazione è resa difficile dai pregiudizi, alimentati soprattutto dalle interpretazioni distorte della storia recente. Non è solo un problema di “tradimento degli intellettuali”, come è stata definita la mancanza di una rielaborazione culturale dei recenti drammatici fatti, ma anche di quale formazione tocca oggi ai giovani e ai giovanissimi. Non tutto, però, è da vedere in termini negativi. Soprattutto per chi guarda dalla nostra regione, il mondo “a est di Trieste”, la città che ancora potrebbe avere un ruolo fondamentale nello sviluppo di un dialogo culturale ed economico, apre ampi margini di riflessione e di speranza per ciò che forse non è ancora stato pensato e che forse un giorno si potrebbe fare.

Ne parlano Alice Parmeggiani, storica della cultura e traduttrice dei maggiori autori Serbi contemporanei, e Božidar Stanišić, poeta, esule ma a casa nel mondo (soprattutto poetico).

L’incontro, che si svolgerà venerdì 11 gennaio, alle ore 18, al Ridotto del Teatro Verdi di Pordenone, è curato da pordenonelegge.it, nell’ambito delle iniziative collaterali alla mostra fotografica Aftermath - Changing cultural landscape, Tendenze della fotografia post-jugoslava, 1991-2011, realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone e visitabile fino al 20 gennaio 2013 a Parco2, Spazi espositivi Via Bertossi.

Collegamenti: www.artemodernapordenone.it | www.pordenonelegge.it

 

Alice Parmeggiani, Docente all'Università di Udine, dedica la sua vita all'attività di traduzione di autori contemporanei serbi, croati e bosniaci. Oltre a molti lavori di Božidar Stanišić, ha tradotto poesie, saggi e vari racconti in riviste e antologie, come ad esempio Casablanca serba. Racconti da Belgrado, a cura di Nicole Janigro (Feltrinelli, 2003). Diversi romanzi, fra gli altri, Il tempo dei miracoli di Borislav Pekić, (Fanucci, 2004) e Goetz e Meyer di David Albahari (Einaudi, 2006), la traduzione di alcuni racconti incompiuti di Ivo Andric con il titolo La storia maledetta, ambientati a Trieste e Monfalcone. Tra i molti testi tradotti e curati, Scritti sulla pietra. Voci e immagini dalla Bosnia ed Erzegovina dal medioevo all'età moderna, (Forum, 2005), in cui rende il mosaico culturale bosniaco. Vi traduce infatti brani, soprattutto poetici, provenienti da tutte le culture che si sono alternate o che hanno convissuto e convivono in area bosniaco-erzegovese, esprimendo dove possibile il punto di vista femminile.

Božidar Stanišić (Visoko, Bosnia,1956) fino al 1992 ha vissuto e lavorato a Maglaj, località a nord di Sarajevo, come professore di lingua e letteratura al liceo. Impegnato in diverse attività di pace e di solidarietà, dopo lo scoppio delle ostilità nel suo paese ha trovato rifugio in Friuli, a Zugliano, dove vive con la sua famiglia. In patria aveva pubblicato critica letteraria, narrativa e libri per l'infanzia. In Italia, accanto a numerosi contributi in riviste e quotidiani, ha pubblicato I buchi neri di Sarajevo (1993), con il Centro d'accoglienza "E.Balducci" di Zugliano, le raccolte poetiche Primavera a Zugliano (1994), Non-poesie (1996) e MetaMorfosi di finestre (1998). Alcuni dei suoi testi poetici sono stati tradotti anche in sloveno, inglese, francese, albanese e giapponese. Ha pubblicato anche alcune raccolte in prosa, tra le altre: Bon voyage (Nuova Dimensione, 2003), Il cane alato (Perosini, 2007) e La chiave nella mano, Ključ na dlanu (Campanotto Editore, 2008).

Organizzatore: Comune di Pordenone

Contatto telefonico: 0434 392916

Contatto email: attivitaculturali@comune.pordenone.it

Contenuti correlati